sabato 27 aprile 2013

Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre

Un ottimo pane dalle origini  povere, nasce nella Lombardia di fine 1800 con gli operai pendolari che cominciarono ad utilizzare i tram per gli spostamenti,  Il pan tramvai veniva acquistato insieme al biglietto del tram o , a volte, dato come resto 
faceva la sua comparsa soprattutto nel periodo natalizio, veniva infatti anche chiamato 'panettone dei poveri'.

In seguito nel dopoguerra scompare per via del tesseramento per ricomparire poi ai giorni nostri nelle panetterie del nord d'Italia 
per la sua storia è anche stato designato dolce simbolo del territorio brianzolo all’Expo 2015.

Pare non ci sia una ricetta specifica, vi propongo quella che conosco io con l'impiego del lievito madre  che richiede lunghe lievitazioni , ma che incidono molto sulla morbidezza ed il sapore, il consiglio è di cominciare la preparazione la mattina prima


Pane all'uvetta o pan tramvai  ricetta dolce lombarda del fino 1800 dolce simbolo del territorio brianzolo all’Expo 2015



Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre

ingredienti

  • 400 gr di farina 00 per la panificazione
  • 180 gr lievito madre rinfrescato (vedi qui)
  • 200 gr di uvetta sultanina
  • buccia di limone grattugiata
  • 100 gr di acqua filtrata
  • 100 gr di latte
  • 50 gr di burro
  • 2 cucchiai colmi di zucchero (o miele)
  • 2 cucchiaini di sale
  • 50 gr olio evo



Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre  ricetta dolce lombarda del fino 1800 dolce simbolo del territorio brianzolo all’Expo 2015
Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre


Procediamo per il Pane all'uvetta o pan tramvai 


Mettiamo l'uvetta a bagno in acqua tiepida per un'ora, la strizziamo e la infariniamo 
l'acqua la riutilizziamo per l'impasto intiepidita e mescolata col latte ed il burro sciolto, diluiamo il lievito madre ed aggiungiamo la farina, lo zucchero e la buccia del limone
continuiamo ad impastare.

Incorporiamo l'uvetta setacciata e lavoriamo bene l'impasto per 10 minuti circa, dobbiamo incorporare l'uvetta in modo uniforme,
ungiamo bene un contenitore e la pasta, sigilliamo e lasciamo lievitare per 12 ore almeno 


Pane all'uvetta o pan tramvai lasciamo lievitare una notte
Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre

Possiamo dividere l'impasto in 2 stampi da plum cake oliati (possiamo utilizzare anche la carta forno)  
e lasciamo altre 12 ore minime di lievitazione sigillando i contenitori con della pellicola e che manterremo a temperatura costante e allo scuro per finire la lievitazione;

Tempo di cottura

Possiamo infornare a 200° con un contenitore d'acqua per creare umidità, 
cuociamo per 30 minuti e lasciamo raffreddare a forno leggermene aperto


Pane all'uvetta o pan tramvai ricetta dole del fine 1800
Pane all'uvetta o pan tramvai con lievito madre

24 commenti:

  1. Hai fatto un pane all'uvetta perfetto, degno di una panetteria. Piace tanto a mio marito, mi salvo la ricetta anche se dovrò sostituire il lievito madre con quello di birra.
    Buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne sono davvero felice Daniela, se sostituisci con ldb cambia le dosi così:
      600 gr farina
      25 lievito di birra
      250 latte e acqua
      lasci invariato il resto, dovrebbe lievitarti più velocemente, ma lascia il procedimento che ho fatto io che ti viene più morbido ^^

      Elimina
  2. Spettacolare, gustoso e buonissimo, complimenti.

    RispondiElimina
  3. Luisella molto carina la storia di questo pane. BRavissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero??? mi affascinano le storie legate alle tradizioni da sempre ^^

      Elimina
  4. woow luisella woow lo sai soffro di insogna e nonostante l'assenza degli occhiali...non li trovo... adesso riesco a percepire visivamente quanto ti è venuto bene questo pane me lolo spedisci un abbraccio amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD anche tu a caccia di occhiali?? o la mattina devo far mente locale a dove li ho lasciati XDXD un bacione grande cara <3

      Elimina
  5. deve essere veramente fantastico! bravissima! :-*

    RispondiElimina
  6. cara Luisella ma tu con questo lievito madre ci fai svenire!!! sei bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Enrica ^^ davvero un mondo da scoprire cara <3

      Elimina
  7. ma è poerfetto!! e che invidia questo tuo lievito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD bello vispo da di quelle sodisfazioni !!!!! devi davvero farlo Stefy <3 un bacione

      Elimina
  8. Un pane buono e profumato, lo assaggerei molto volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provalo Ideb... davvero ottimo, non so se lo conosci, ma qui al nord lo trovi in alcune panetterie, non molto dolce ha un sapore davvero delicatissimo ^^

      Elimina
  9. eh eh eh ci hai preso proprio gusto Lu' bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mentore!!! <3 ... davvero ho indietro degli arretrati in merito, sai il mio topogigi come gongola??? XDXD

      Elimina
  10. Che bello che è voglio provarlo sperando che l'uvetta possa addomesticare il sapore del bicarbonato....non posso usare lievito di birra e nemmeno lm....si sente troppo il sapore del bicarbinato....:-(

    RispondiElimina
  11. sia nella prima che nella seconda lievitazione metti l'impasto in frigorifero o lo tieni a temperatura ambiente? Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Adri, il processo di lievitazione avviene sempre a temperature costanti al riparo da spifferi o sbalzi intorno ai 20° minimi (più alta la temperatura prima lievita) se non sei certo della stessa usa il forno.. spiego, accendi e porti a 50° poi lo spegni lasciandolo chiuso ed inserisci l'impasto sigillato, oppure utilizzi un panno di lana per avvolgere il contenitore e lo metti in un posto riparato

      Elimina
  12. ciao ma il lievito madre 180 totali o 180 piu il rinfresco grazie a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si , rinfrescato, è segnato negli ingredienti ^^

      Elimina